Berenice Scarabelli

Berenice Scarabelli

Bellezza Sostenibile

Cos’è in fondo la paura?

Ti è mai capitato di voler fare una cosa e all’ultimo momento fermarti? Perchè … avevi paura!

Spesso questo viene definito “autoboicottaggio” e ci sta, ma il punto è capire il perchè di certi stop, soprattutto quando a fronte di qualche cambiamento importante, ci si ferma un passo prima. Cosa muove l’autosabotaggio verso i propri sogni e obiettivi da voler realizzare?

Ma cos’è in fondo la paura?

È paura di affrontare una determinata situazione, di fallire o di non saper gestire le conseguenze?

In genere la risposta è la terza… paura delle conseguenze quali:

  • provare un senso di vergogna
  • perdere la stima del compagno/a
  • perdere soldi
  • sentirsi rifiutati
  • sentirsi “stupidi”
  • vedere gli occhi inquisitori di amici e famiglia che sotto sotto dicono “te l’avevo detto”
  • non riuscire a sostenere il peso di chi ti può giudicare per le decisioni prese
  • perdere amici
  • paura di …. aggiungi tu un altro motivo

La cosa bella invece è che possiamo veramente diventare i maestri di noi stessi, proprio imparando dai propri errori. Come?

Intanto è importante ricordare a se stessi che fin da quando eravamo piccoli, a scuola veniva sottolineato l’errore (in rosso) piuttosto che le cose corrette, l’impegno e l’attitudine. Quindi puoi sempre iniziare a pacificare questo aspetto culturale che si è appiccicato alle tue cellule .

La seconda cosa è pensare che non è detto che deve per forza andar male una cosa. E se invece va bene? Hai mai contemplato questa opzione?

paura e coraggio

Usare il coraggio

Un primo passo per affrontare la paura è dotarsi di coraggio, non fermarsi e andare avanti perché è importante non stagnare nella paura ma muoversi per uscirne.

La parola “coraggio” deriva da “con il cuore” e quindi ascoltare il proprio cuore e seguirlo.

La paura è certamente uno stato di negatività della persona e, ricorda che quando si è negativi, non si è creativi.

Rischi di non riuscire più a vedere qual è il grande sogno che ti ha fatto arrivare fin lì, che ti aveva fatto muovere, rischi di perdere la fiducia, la passione, l’iniziativa e di cadere in uno stato di insicurezza, dubbio, rabbia e frustrazione.

La paura è uno stato mentale, cioè una creazione della mente in cui anche a livello cerebrale viene prodotto molto cortisolo. E questo non va mica bene perché è un forte generatore di stress per il corpo. Il coraggio è andare avanti nonostante le incertezze…

Il coraggio di salire certe scale ti può portare a vedere e soprattutto a cambiare punto di vista e prospettiva. Permette, durante la salita, di avere il tempo di trasvalutare certe situazioni e di portarle a proprio vantaggio, come dei veri punti di forza.

Semplice? Nessuno dice che lo sia, ma è fattibile. Ci vuole coraggio ovvero l’ascolto del cuore per intraprendere uno dei più meravigliosi viaggi che si può fare: il viaggio dentro di sè.

paura

Gli 8 antidoti alla paura

E quindi che fare?

Ecco 7 antidoti che portano il cervello a produrre più serotonina, l’ormone del benessere:

  1. ci vuole ottimismo: pensa e focalizzati su questo pensiero “come mi sentirò quando avrò raggiunto i miei risultati”. Ricorda che la questione non è “se” li raggiungerai, ma “quando”. Sii consapevole che dentro di te c’è sempre una parte ribelle che vuole andare avanti ed una parte paurosa che teme il cambiamento. Tu quale delle due parti scegli di ascoltare?
  2. alimenta la tua gratitudine ogni giorno e non dar mai nulla per scontato. Il fatto che stai leggendo l’articolo significa che hai 2 occhi, ringraziali!
  3. assapora la vita in tutte le sue sfaccettature perché ogni giorno non ricapita mai due volte. Per fare questo cerca di stare nella consapevolezza ripetendoti la frase “so che…” e descrivi ciò che stai facendo. Questo aumento della tua attenzione ti mantiene nel qui ed ora e non permette alla tua mente di andare avanti e indietro tra passato e futuro. Questo rallenta i tuoi pensieri e ti fa stare nel momento presente.
  4. abbraccia le persone e fatti abbracciare perché è stato studiato che con 8 abbracci si stimola l’ossitocina, l’ormone della felicità.
  5. non procrastinare, ma affronta subito ciò che ti fa paura (ne ho scritto anche qui)
  6. il focus non è mai il problema, il focus deve sempre essere la soluzione
  7. ricorda sempre se vuoi vivere correndo il rischio di fare certe cose o il rimpianto per non averci mai provato. A te la scelta!
  8. Infine, accetta di vivere anche stati d’animo apparentemente poco solari, come la dolce tristezza, la frustrazione, la rabbia… sono tutti aspetti della tua anima che vogliono essere riconosciuti e pacificati.

Come dice un antico proverbio “non arrenderti ora, rischieresti di farlo un’ora prima del miracolo

La paura è proprio la strada che si deve percorrere verso la libertà della proprai anima: che sia nel lavoro, negli affetti o amicizie, nella dimora… nulla ci può tenere incatenati se iniziamo in grande viaggio dentro il proprio cuore.

Scrivimi qui cosa fai per entrare velocemente nello stato positivo.

E se poi scegli di ascoltare la parte ribelle e di darti u’opportunità di fare qualcosa di diverso, t’invito a scrivermi che insieme qualche cosa la costruiamo. Io ho iniziato proprio da questa scelta!

pexels anna tarazevich 6230961 paura

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
LinkedIn
Email
Telegram
WhatsApp

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe anche interessare

mamme
Pillole di business

Mamme nel mondo del lavoro: le skills naturali

Come si collocano oggi le mamme nel mondo del lavoro? In Italia ha sempre primeggiato una mentalità piuttosto individualista un po’ su tutto. Nel lavoro,

Copyright © 2022 Berenice Scarabelli

P.I.: IT02784670305

Privacy Policy

Cookie Policy

Seguimi su

Website designed by Eva De Marco Creativa Digitale